Innovare il progetto
facebook ico   issuu ico   slideshare ico   linkedin ico   youtube ico  

Search Our Site

(Immage by BIG-Bjarke Ingels Group, © AUDI AG)

Every two years the Audi Urban Future Award proposes interesting visions of the urban future.
The visions are focused on developing new strategies for urban mobility and the change of the transport technology. The Urban Future Audi Award 2020 propose a new way of thinking the transportation infrastructure that can be summarized in:

  • Uman body: become the structure interactive intermediary with the tools, thanks to the availability of the advanced versions of digital technologies that will tend to be more miniaturizated until the incorporation.
  • Traffic: the facilities are increasingly interactive, integrated and automated.
  • City: the new urban morphologies will be characterized from the softening of  infrastructures and vehicles. 
In this change, the car, from passive and polluting tool (a tool to be driven) becomes an active and ecological tool (a tool to observe), that interacts with the enviroment in real time.

The urban area is transforming in a flexible space that can be extended and reduced in such a way that it can be be taken the most advantage of in the more crowded hours of the day, or to permit to a square or a park to expand and invade the car area, following the citizens needs.

The projects selected for the Audi Urban Future Award 2020 are:

  • Harmonisches Beijing, Standardarchitecture
  • A.Way, J. Mayer. H
  • (Driver) Less Is More - Driverless City, Big - Bjarke Ingels Group
  • Barcelonas “Empathisches Auto“, Enric Ruiz Geli - Cloud 9
  • Konvergenz Und Austausch In Der Kaleidoskopischen Stadt, Alison Brooks Architects

Ogni due anni il concorso Audi Urban Future Award propone interessanti visioni del futuro del trasporto urbano. Le visioni sono incentrate sullo sviluppo di nuove strategie di mobilità urbana e sul cambiamento dei mezzi di trasporto.  Dagli scenari proposti nel Concorso Audi Urban Future 2020 deriva un nuovo abaco di  lettura dell’infrastruttura di trasporto che è sintetizzabile in:

  • Corpo umano: diventa la struttura interattiva di mediazione con le macchine, grazie alla disponibilità di versioni evolute delle tecnologie digitali, che tenderanno sempre più alla miniaturizzazione fino all’incorporazione;
  • Traffico: le infrastrutture saranno sempre più attive, integrate e automatizzate;
  • Città: assisteremmo a nuove morfologie dell’ambiente urbano caratterizzate dall’interattività, dalla naturalità e dall’alleggerimento delle infrastrutture e dei veicoli. In questo cambiamento l’auto da mezzo passivo ed inquinante “uno strumento da guidare” si trasforma in un mezzo attivo ed ecologico: “uno strumento per osservare”, che interagisce con l’ambiente in tempo reale.

Lo spazio urbano che ne risulta è uno spazio fl¬essibile che può espandersi e contrarsi in modo tale da essere sfruttato in pieno nelle ore più trafficate o da permettere a una piazza o ad un parco di espandersi ed invadere gli spazi automobilistici a seconda delle necessità dei cittadini.

I progetti selezionati dal Concorso Audi Urban Future 2020 sono:

  • Harmonisches Beijing, Standardarchitecture
  • A.Way, J. Mayer. H
  • (Driver) Less Is More - Driverless City, Big - Bjarke Ingels Group
  • Barcelonas “Empathisches Auto“, Enric Ruiz Geli - Cloud 9
  • Konvergenz Und Austausch In Der Kaleidoskopischen Stadt, Alison Brooks Architects

 

Scenarios Report (Atom & Bits group: Anna Bolletta, Alice Braggion, Anna Brambilla, Alessandro Carabini, Marta Michieli e Silvia Vicentini.)

Scenari Matrix (Collaborative Space group: Linda Comerlati, Marta D'agostin, Anna Dal Passo, Pietro Luciani e Basak Pekdiker.)